top of page

Nuove modalità lavorative possibili…


In questo anno pandemico siamo stati accomunati, per alcuni mesi, da uno stesso sentire, percepire, con una quotidianità entro quattro mura sempre uguali.

L’estate ha diversificato i vissuti, l’agire, la scansione giornaliera. Da settembre il panorama esperienziale si è ulteriormente modificato.

Per alcune professionalità si è trattato di adattarsi ad una nuova normalità: primariamente in presenza con riunioni ed incontri online.

Per altre professionalità: come chi sta in ufficio, ancora oggi, si lavora in una modalità diametralmente opposta al passato.

Qualcuno è rientrato in ufficio per qualche giorno a settimana, altri continuano a collegarsi da casa e non sanno se e quando torneranno in presenza.

I miei pazienti mi raccontando il loro vissuto.

Alcuni anelano a ritornare in presenza il prima possibile.

Altri mi dicono che si sono abituati così tanto bene a questa nuova modalità da non avere interesse a ritrovarsi con i ritmi giornalieri precedenti.

Dicono di aver più ore per la famiglia e se stessi, hanno azzerato i tempi degli spostamenti da casa al lavoro, si sono organizzati per passeggiare, per stare con i figli ed il coniuge, si chiedono come facessero, prima, a mantenere ritmi serrati ed una vita organizzata in ogni aspetto.

Più il tempo passa e più ci si abitua alle nuove condizioni.

Da un iniziale stupore, sgomento, incredulità, chi non è ancora oggi impantanato nella dimensione d’attesa, ha trovato nuove modalità di vita e ci si è adattato apprezzandone alcuni aspetti.

C’è un unico elemento allarmante e che andrà monitorato nel tempo: chi riferisce desiderio di vivere i rapporti interpersonali ma quando incontra gli altri tollera incontri brevi.

Sono persone che non vorrebbero la solitudine ma in realtà si sono adattati ad una dimensione mediata dal computer e faticano a gestire gli incontri autentici.

Non disimpariamo ad incontrarci di persona, lo spazio virtuale è un luogo di vita ma non l’unico, utilizziamo la realtà e la rete, non una o l’altra.

La multimedialità è straordinaria e ci aiuta quando siamo fisicamente distanti ma solo nell’attesa dell’incontro autentico e di persona!

18 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


Post: Blog2_Post
bottom of page